Menu

Blog

Share

Lettori barcode bluetooth per l’assemblaggio industriale

I dispositivi di Automatic Identification Data Collection come lettori barcode o palmari, trovano oggi ampio utilizzo nell’ambito retail.  Il concetto di fabbrica intelligente, però, è all’ordine del giorno e queste tecnologie stanno raggiungendo sempre più velocemente i processi produttivi delle realtà manifatturiere. In occasione di Software di successo, Michele Brandoli Channel Sales Manager di Opticon, ha presentato alcune delle soluzioni a disposizione delle PMI interessate a digitalizzare i propri processi grazie a lettori barcode bluetooth. In particolare, l’intervento ha riguardato l’utilizzo di questi dispositivi per l’assemblaggio in ambito automotive.

La presentazione del case study

Tra i vari progetti riportati, infatti, quello relativo all’implementazione di piccoli lettori barcode bluetooth per l’assemblaggio in ambito automotive ha riscosso particolare interesse. Nel concreto l’azienda in questione aveva espresso la necessità di:
  • velocizzare il processo di assemblaggio;
  • automatizzare l’identificazione dei pezzi;
  • rendere rintracciabili i pezzi assemblati;
  • trasferire e immagazzinare in tempo reale i dati prodotti;
  • conservare i dati per periodi medio lunghi.
Per fare questo l’azienda ha assegnato ad ogni vettura un codice (barcode) identificativo a cui si andavano ad aggiungere i codici a barre di tutti gli altri componenti inseriti. In sostanza: il processo aveva inizio con la lettura del codice identificativo dell’auto attraverso lettore OPN. Una volta decodificati i dati raccolti, il sistema centrale verificava la conformità del processo da avviare (es. assemblaggio portiera sinistra) e inviava un input al PLC che procedeva all’ avvio del rispettivo avanzamento. lettore OPN Opticon Logikamente

Caratteristiche e vantaggi dei lettori barcode

Nello specifico caso studio presentato, ogni singola postazione dell’operatore era composta da un computer industriale e due lettori OPN: uno in utilizzo, uno in carica. In questo modo si garantiva un ciclo costante e ininterrotto di attività ed un bassissimo margine di errore nella procedura delle operazioni. Tra le principali caratteristiche dei lettori utilizzati per questa attività sono da annoverare le ridotte dimensioni, che permettono un’ esecuzione facile e veloce, la capacità della batteria e quella di lettura. Nel caso studio presentato, per esempio, gli OPN utilizzati hanno permesso la decodifica di codice a barre anche rovinati, situazione che frequentemente si incontra in un ambiente produttivo. Contattaci per avere maggiori informazioni sulle tecnologie e i dispositivi AIDC o se sei interessato ad approfondire le opportunità di utilizzo di queste soluzioni in ambito produttivo, manifatturiero o nella gestione del magazzino.

ARTICOLI CORRELATI